Filtro acqua carboni attivi: Cosa rimuove?

Acqua filtrata: benefici

Filtro acqua a carboni attivi è una delle tecnologie più conosciute quando si pensa agli impianti di filtrazione dell’acqua. 

Perché filtrare l’acqua del nostro rubinetto? Purtroppo l’acqua del rubinetto non è pura come ci si aspetterebbe. Infatti, percorrendo chilometri di tubazioni pubbliche e private, all’interno di case e condomini, l’acqua si contamina di: sedimenti, impurità, batteri microplastiche e metalli pesanti. Inoltre, l’acqua del rubinetto ha spesso un cattivo gusto, datole dal cloro, utilizzato per potabilizzarla. Il filtro a carboni attivi può essere efficace nella rimozione di queste sostanze? Come funziona? È sufficiente a rendere l’acqua delle nostre abitazioni più buona e sicura?

Come funziona il filtro acqua a carboni attivi?

I filtri a carboni attivi sono costituiti da piccoli pezzi di carbone, in forma granulare o in blocco, i quali sono trattati per essere estremamente porosi. Normalmente, la capacità di filtraggio varai tra i 50 e i 0,5 micron. Ciò significa che più piccoli saranno i pori, più efficace sarà la capacità di filtraggio.

Come avviene esattamente la rimozione di composti chimici? Quando l’acqua passa attraverso i carboni attivi, le sostanze chimiche rimangono adese al carbone, permettendo la fuoriuscita di un’acqua più pura.

Cosa elimina il filtro a carboni attivi?

L’EPA (l’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente negli USA) raccomanda l’utilizzo del filtro a carboni attivi per la rimozione di tutti i 32 contaminanti organici identificati, di cui fanno parte i THM. I THM sono i trialometani, ovvero sottoprodotti per la disinfezione, che si formano quando il cloro è utilizzato come disinfettante. Essi sono comunemente presenti nell’acqua adibita a consumo umano. Ciò nonostante, molti trialometani sono considerati cancerogeni, perciò la direttiva sull’acqua potabile della Comunità Europea ha stabilito dei limiti massimi. I filtri a carboni attivi rimuovono inoltre i 14 pesticidi ed i 12 erbicidi elencati.

I carboni attivi sono una soluzione molto efficace, tuttavia, ci sono diverse sostanze che non sono rimovibili attraverso il solo utilizzo di un filtro a carboni attivi:

  • Solidi disciolti: sali minerali (Calcio, Magnesio, Potassio, Sodio)
  • La maggior parte dei contaminanti microbiologici come cisti e batteri
  • Contaminanti inorganici come arsenico e amianto
  • Radionuclidi, ovvero contenuti di radioattività naturale, presenti principalmente nelle acque sotterranee

I filtri a carboni attivi sono sufficienti per rendere l’acqua più pura?

Il filtro a carboni attivi rende l’acqua libera dal cloro e dal cattivo gusto, tuttavia non è sufficiente alla rimozione dei batteri, quali, ad esempio, salmonella, escherichia coli, giardia.

Eivavie offre una vasta gamma di prodotti per la depurazione dell’acqua, caratterizzata da una tecnologia che combina le proprietà dei filtri a carboni attivi con quella della ceramica. I filtri Eivavie permettono di filtrare anche batteri (ad esempio escherichia coli), sedimenti, impurità, microplastiche, metalli pesanti, residui di chimica e cloro, mantenendo i sali minerali importantissimi per il nostro organismo. Vorresti scoprire qualcosa in più sugli impianti di depurazione dell’acqua di Eivavie? Contatta i nostri tecnici che sapranno guidarti nella scelta del depuratore più adatto alle tue esigenze.

negozio shop online eivavie

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.